Archivi categoria: Turismo_Roma

April 2, 2017 – Sunday at the Museum. Free admission.

Sunday at the Museum

Every first Sunday of the month, state-owned heritage places (museums, galleries, archaeological sites, monumental parks and gardens) are open with free admission for all visitors.
Before visiting a museum, please check its opening hours by calling the official infoline.

Free admission does not always include entrance to the exhibitions for which regular fees apply.

Sunday at the Museum

Sunday at the Museum

Sunday, April 02, 2017, open with free admission:

– Colosseum and Roman Forum / Palatine
– Museo nazionale Romano (Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano)
– The Borghese Gallery (booking required)
– Museo nazionale Etrusco di Villa Giulia
– Galleria Nazionale Arte Moderna
– Museo H.C. Andersen
– Museo Boncompagni Ludovisi

– Galleria nazionale d’Arte Antica – Palazzo Barberini
– Galleria nazionale d’Arte Antica – Palazzo Corsini
– Galleria Spada
– Museo nazionale di Palazzo Venezia
– Museo nazionale di Castel Sant’Angelo
– Museo nazionale d’Arte Orientale “G. Tucci”
– Museo nazionale Preistorico Etnografico “L. Pigorini”
– Museo nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari
– Museo Nazionale dell’Alto Medioevo
– Museo nazionale degli Strumenti Musicali
– Scavi di Ostia Antica
– Museo Ostiense
– Castello di Giulio II
– Baths of Caracalla
– Mausoleo di Cecilia Metella
– Villa dei Quintili
– Santa Maria Nova

– Hadrian’s Villa in Tivoli
– Villa d’Este in Tivoli

Rome Marathon 2017 – April 2, 2017

Rome Marathon 2017, the 23 edition

Sunday, April 2, 2017 there is the 23 edition of the Rome Marathon.

All run info are available on the official website (in five languages) and on the event’s Facebook page.

It is also possible to have news in real time by logging in to the official Twitter profile using the hashtag #IRunRome

Bags Free Rome Marathon  Promotion

Bags Free, as every year, provides transport and luggage storage services to the runners. For those who provide us bib number, and for their families, 10% discount on our services Enjoy Rome Marathon, we take care of your luggage.

Rome Marathon 2017

Rome Marathon 2017

Bags-Free recommends: Caravaggio in Rome

(Original article: http://www.turismoroma.it/itinerari-a-tema/caravaggio?lang=en)

Our itinerary shall take us through the streets of the old city centre of Rome on a journey of discovery dedicated to the masterpieces of a great artist – Michelangelo Merisi, also known as Caravaggio.

The itinerary starts at the Galleria Borghese which boasts the world’s largest collection of Caravaggio’s works. Here, visitors can admire as many as six canvases by this artist (a man renowned for his stormy life). The canvases are the Boy with a Basket of Fruit (1593-1594), the Young Sick Bacchus (1593-1594 ) – works from Caravaggio’s youth, belonging to the sequestered collection of the Cavalier d’Arpino –, the Madonna and Child with St Anne (dei Palafrenieri) (1605-1606) – commissioned by the Arch-confraternity of the Papal Grooms for their altar at St Peter’s (the commissioners rejected the work, which was then acquired by the nephew of Paul V Borghese) –, David with the Head of Goliath (1605-1606) – painted during the artist’s second stay in Naples, probably in order to curry favour with Cardinal Scipione Borghese in the hopes of a return to Rome –, Saint Jerome Writing (1605–1606) – painted specifically for Cardinal Scipione Borghese in gratitude (since the cardinal had aided him following troubles with the law) –, and, lastly, the Portrait of Pope Paul Paolo V (1605-1606).

Caravaggio - Giuditta taglia la testa ad Oloferne - Palazzo Barberini, Roma

Caravaggio – Giuditta taglia la testa ad Oloferne – Palazzo Barberini, Roma

Our itinerary then takes us to the Casino Ludovisi and the chamber hosting the alchemical laboratory. In the small vault, Caravaggio painted in oils on the walls the deities, Jupiter, Neptune and Pluto, the children of Chronos, lord of the Universe.

Let us now move on to the Galleria Nazionale d’Arte Antica, Palazzo Barberini. Here, we find the Judith Beheading Holofernes, which may be identified with the Judith portrayed by Caravaggio for the banker, Ottaviano Costa, and the Narcissus, which was attributed to Caravaggio despite some opposition (after restoration, the work has been definitively attributed to Caravaggio).

The next stop on our journey is the Galleria Doria Pamphilj. Here, we find the work, The Rest on the Flight into Egypt, which may be seen as a painting which most clearly reflects the period of Caravaggio’s training and formation as an artist. The gallery also hosts a Mary Magdalene.

Caravaggio - San Gerolamo - Galleria Borghese

Caravaggio – San Gerolamo – Galleria Borghese

In the Pinacoteca Capitolina we find The Fortune Teller, painted for Cardinal Del Monte (which may be dated back to 1594) and Saint John the Baptist, a painting the existence of which had been practically overlooked until, to the great surprise of all, it was discovered in the office of the Mayor in 1953. This is probably the painting ordered in 1602 by the nobleman, Ciriaco Mattei, who commissioned it from Caravaggio in view of the name of his eldest son, Giovanni Battista (who inherited the canvas).

A work by Caravaggio painted between 1602 and 1604 – The Entombment of Christ – is also to be found at the majestic Musei Vaticani.

Caravaggio, Via Giustiniani, Roma - photo Antunes

Caravaggio, Via Giustiniani, Roma – photo Antunes

Our itinerary also includes churches. Our first visit is to the Church of San Luigi dei Francesi. Between 1599 and 1600, Caravaggio painted the works of the Contarelli chapel, The Calling of Saint Matthew and The Martyrdom of Saint Matthew. Here, we note Caravaggio’s original approach to an artistic trend of the period of the Counter-Reformation, namely the practice of commemorating Martyr Saints, popular at that time.
In the Church of San Luigi dei Francesi we also find the second version of the altarpiece, The Inspiration of Saint Matthew. The first version had been rejected as unsatisfactory.

Our itinerary then leads us from San Luigi dei Francesi to the Church of Sant’Agostino. Here, on the altar of the first chapel to the left (the chapel of the House of Cavalletti), we find the Madonna of Loreto.

Our journey around the churches of Rome which boast works by Caravaggio takes us at last to yet another ‘unmissable’ location – the Church of Santa Maria del Popolo. To the left of the main altar is the chapel known as the cappella Cerasi. Next to the central altarpiece (by Annibale Carracci), we find two celebrated works by Caravaggio, The Conversion on the Way to Damascus and The Crucifixion of Saint Peter.

Bags Free- Rinnovato l’accordo con Opera Romana Pellegrinaggi

Vista la reciproca soddisfazione per gli esiti dell’accordo stretto quasi due anni fa, anche quest’anno la Bon Bags S.r.l., titolare del marchio Bags Free, ha rinnovato l’accordo con l’Opera Romana Pellegrinaggi, estendendo la collaborazione già in corso anche ai servizi da rendere ai pellegrini che percorrono la Via Francigena.

Ricordiamo infatti che il cosiddetto Testimonium, ossia l’attestato di aver completato il pellegrinaggio giungendo fino alla Tomba dell’Apostolo Pietro, si può avere esclusivamente tramite l’Opera.

Biglietti Open Bus Opera Romana Pellegrinaggi

 

Sono quindi nuovamente disponibili, presso il nostro deposito di Via del Castro Pretorio 32, i biglietti Daily del servizio Open Bus di Roma Cristiana; sempre lì trovate disponibile per la consultazione il catalogo dei programmi 2017 dell’Opera Romana.

Catalogo 2017 Opera Romana Pellegrinaggi

Su richiesta è possibile avere tramite noi di Bags Free l’accesso alle Udienze Papali, a titolo gratuito, previa nostra verifica della effettiva disponibilità. I biglietti in questo caso si ritireranno presso gli uffici dell’Opera Romana in Piazza Pio XII (di fronte all’ingresso della Basilica Vaticana).

Bags Free consiglia: un Michelangelo poco conosciuto

Dici o cerchi su Google “Michelangelo a Roma” e ti vengono in mente o sullo schermo le sue opere più famose. La Cappella Sistina, la Pietà Vaticana, il Cristo alla Minerva, il Mosè e San Pietro in Vincoli… pochi pensano ad una bella basilica a due passi dalla Stazione Termini e dal deposito di Bags Free a Castro Pretorio: la Basilica di Santa Maria degli Angeli.

Michelangelo Santa Maria degli Angeli

Certo, la Basilica come la si vede oggi non è esattamente come Michelangelo la progettò, nel Settecento il Vanvitelli e l’Orlandi modificarono parecchie cose, ma vale lo stesso davvero la visita, meglio ancora se guidati da chi la conosce bene e ve la sa ben presentare. A mezzogiorno di oggi per esempio c’è una visita guidata organizzata dall’associazione Esperide.

Michelangelo Santa Maria degli Angeli

Michelangelo Santa Maria degli Angeli

Se avete tempo fateci un pensierino.

E, ovviamente, se avete borse, zaini o bagagli, pensate a noi!

BAGS FREE STORAGE

Via del Castro Pretorio 32, +39064455792.

4€ il costo della custodia di un bagaglio per l’intera giornata.

 

Ultimi giorni per il Colosseo! #BagsFree dixit!

Preoccupati dopo aver letto il titolo? Non temete, non ce n’è motivo, ci vuole ben altro per togliere di mezzo il simbolo piò conosciuto, assieme al Cupolone, della nostra città, la Caput Mundi.

Sono gli ultimi giorni per poter usufruire della possibilità di prenotare una visita agli ipogei, ai sotterranei, al cosiddetto terzordine del monumento (l’ultimo giorno sarà il 31 gennaio 2017).

Foto di proprietà del sito CoopCulture.It

Foto di proprietà del sito CoopCulture.It

Riprendiamo dal sito dell’iniziativa:

Visite guidate agli ipogei del Colosseo che consentono di scendere nel ventre del monumento antico più famoso e visitato al mondo.
I racconti sui giochi gladiatori, munera et venationes, diventeranno  più vividi nell’immaginario dei visitatori perché ascoltati lì dove si svolgevano gli ultimi preparativi prima che le belve feroci, le scenografie e gli stessi gladiatori salissero sul piano dell’arena per scatenare l’entusiasmo del pubblico con spettacoli dai mille colori.
Questi spazi si conservano nelle condizioni in cui erano alla fine del V secolo d.C., quando furono interrati. Da allora non hanno subito alcuna manomissione dovuta a usi successivi, come avvenuto per la parte elevata dell’Anfiteatro.
Il percorso di visita continua, poi, in varie tappe all’interno del monumento

La visita guidata è prevista per individui singoli, gruppi, comitive, studenti; ed è offerta in lingua inglese, spagnola ed italiana. Insomma, se ve la fate scappare, avete davvero poche scusanti….

Di sicuro non potete dire che non sapevate dove lasciare i bagagli!!!

Il deposito bagagli di Bags Free è a 10 minuti di autobus, due fermate di metropolitana, trenta minuti a piedi! E basta chiedere e ve li veniamo pure a prendere!

Collegatevi a questo link per prenotare la visita, solo altri 7 giorni disponibili! 

Poi chiamate lo 064455792 per informazioni sul servizio bagagli!

Capodanno – New Year – Ano Nuevo 2017!!!

Offerta “Capodanno a Roma”
Vuoi trascorrere il capodanno a Roma libero dal peso dei tuoi bagagli? Dal 31 dicembre 2016 alle ore 8 del mattino fino all’1 gennaio 2017 alle ore 8 della sera, Bags Free effettuerà
Orario Continuato Senza alcun Supplemento.
Un’offerta unica per regalare ai nostri clienti uno splendido capodanno a Roma… Approfitta della promozione! 
info@bagsfree.com – T. +39064455792

Año Nuevo en Roma
¿Quieres pasar el Año Nuevo en Roma, libre del peso de su equipaje?Del 31 de diciembre de 2016 a las 8:00 de la mañana hasta el 1 de enero de 2017 a las 20:00, depòsito sin suplementos 
Tiempo Continúado Sin Suplemento
Una oferta única para dar a nuestros clientes una maravillosa noche de Año Nuevo en Roma…
Tome ventaja dela promoción…
info@bags-free.com – T. +39064455792

New Year in Rome

Do you want to spend New Year in Rome free from the weight of your luggage? From December 31, 2016 at 8 o’clock in the morning until 1 January 2017 to 8 pm,
Bags Free will stay open at no extra charge
A unique offer to give our customers a wonderful New Year’s Eve in Rome …
Take advantage of the promotion…
info@bags-free.com – Ph. +39064455792

capodanno

Si chiude una Porta, si apre un Portone – #BagsFree #LightHoliday

A Roma c’è un detto che dice: “Si chiude una porta, si apre un portone“. Domenica prossima, 20 novembre 2016, si chiude la Porta Santa della Basilica di San Pietro in Vaticano, in Roma. Il gesto simboleggia in modo visibile e concreto la fine dell’Anno Santo della Misericordia voluto da Papa Francesco.

portasanta

 

Un Anno Santo che a molti è sembrato singolare, a chi scrive in positivo, perchè con l’apertura delle porte sante in tutte le Cattedrali Nazionali, è stato dato modo di viverlo ai fedeli cattolici anche senza il tradizionale pellegrinaggio a Roma.

Molti pellegrini non vi hanno rinunciato tuttavia, e noi di Bags Free siamo stati felicissimi di assisterli con i nostri servizi. Approfittiamo di questo post per salutarli, ringraziarli e dar loro un “arrivederci a Roma” in vista di una prossima volta che ci auguriamo a distanza il più possibile ravvicinata.

Si chiude una Porta, si apre un Portone“.

La Porta che si chiude, scrivevamo, è quella Santa di San Pietro in Vaticano. Appuntamento alle 10.00 a piazza San Pietro per la celebrazione liturgica di Cristo Re dell’Universo (i biglietti se vi interessa essere presenti potrete richiederli anche a noi che vi indirizzeremo a riguardo) che oltre che l’Anno Santo chiude anche l’Anno Liturgico.

portasanta2

Qual’è il portone che si apre? Beh, se siete credenti saprete che la Solennità cattolica di Cristo Re viene immediatamente prima del nuovo Anno Liturgico e del Tempo di Avvento. Il portone che si apre è allora quello della misericordia di Dio che, viene annunciato, sta arrivando in mezzo a noi, come si compirà nella festa di luce e di bianco del Natale.

L’Avvento è l’attesa di una gioia nuova, di una gioia che si rinnova. Noi di Bags Free questa gioia la auguriamo a tutti, non solo ai credenti. La auguriamo a tutti coloro che ci hanno fatto crescere quest’anno, che hanno usufruito dei nostri servizi. Ed auguriamo a tutti di saper leggere nel tempo nuovo che si apre una magnifica prospettiva per la loro vita.

bibbia-aperta

Perchè, ricordatevelo, Bags Free è sempre Light Holìday!

 

L’Ottobrata romana

Ottobre a Roma è di solito un mese magico, ricco di colori ed a tratti di improvvise giornate di sole, sole che porta la temperatura ai livelli di maggio o giugno. Il che spinge i romani, da sempre, a farsi una bella ottobrata, una gita fuori porta o più spesso entro le mura, come se si fosse ancora nella bella stagione.

Bags Free allora vuole invogliarvi… lasciateci il bagaglio in deposito, la mattina presto, alle 8, quando apriamo, e fatevi una bella gita all’aria aperta, nei grandi parchi cittadini…

Leggiamo insieme dall’Enciclopedia di Roma:

Le ottobrate romane erano gite domenicali, talvolta si festeggiava anche giovedì, che si svolgevano a Roma in ottobre, il mese della  vendemmia. Una consuetudine che alcuni fanno discendere dai Baccanali dell’antica Roma:  feste legate al ciclo delle stagioni.

Pinelli, Carrettata delle Ottobrate (dal sito Romasparita.Eu)

Pinelli, Carrettata delle Ottobrate (dal sito Romasparita.Eu)

Meta abituale delle scampagnate era il monte Testaccio; ma la presenza di orti e vigne intorno alle porte della città favorì  la diffusione verso ponte Milvio, le vigne tra Monteverde e porta San Pancrazio, porta San Giovanni e porta Pia.

Un po' di cibarie...

Un po’ di cibarie…

Si partiva di buon’ora, assestati su dei  carretti addobbati a festa e trainati da cavalli bardati. Grande cura si riservava all’abbigliamento: le stampe dell’epoca ci mostrano donne ornate di piume e fiori e uomini eleganti, per fare colpo sulle belle ragazze.

Al suono  dei tamburelli, delle chitarre e delle nacchere si ballava il saltarello. Si giocava alle bocce, a ruzzola, all’altalena e agli alberi della cuccagna. Naturalmente il vino scorreva a volontà, e non mancavano mai gnocchi, trippa e abbacchio.

Il ballo del Saltarello (dal sito Romasparita.eu)

Il ballo del Saltarello (dal sito Romasparita.eu)

La tradizione delle Ottobrate rimase viva fino ai primi decenni del 900, sopravvivendo alla Roma papalina; ma ancora oggi, quando ottobre riserva giornate luminose, è consueto dire “ che splendida  ottobrata”.

Un bel cesto di mele (dal sito Ottobrata.it)

Un bel cesto di mele (dal sito Ottobrata.it)

(Testo liberamente ispirato dall’opera di Claudio Rendina, Enciclopedia di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 2005).

#BagsFree presenta… il quartiere Coppedè

coppede1

Per alcuni si tratta di una vera e propria meraviglia romana, una zona di, assieme, inquietante e sconvolgente bellezza. Per altri di una semplice stranezza e di una sorta di stravaganza operata da un eclettico architetto. Per tutti, noi compresi. è sicuramente un luogo da esplorare e da vedere.

coppede2

Dal nostro deposito e/o dalla Stazione Termini, si deve arrivare (numerose le linee ATAC) a via Nomentana e girare a sinistra per corso Trieste, direzione Piazza Mincio… Oppure Metro B1 fino ad Annibaliano, poi su a piedi sempre per Corso Trieste.

coppede3

Nel cuore di Roma, a due passi dal centro storico si trova uno dei quartieri più caratteristici della città. In realtà non un vero quartiere, ma un angolo di Roma dalle fattezze inaspettate e bizzarre, un fantastico miscuglio di arte Liberty,Art Decò, con infiltrazioni di arte greca, gotica, barocca e addirittura medievale.

Parliamo del quartiere Coppedè, un complesso di 26 palazzine e 17 villini che sorge tra la Salaria e la Nomentana. Un “arcone” riccamente decorato che congiunge i due palazzi degli ambasciatori, dal quale scende un grande lampadario in ferro battuto, definisce l’ingresso del quartiere realizzato, tra il 1913 e il 1926, dall’eclettico architetto Gino Coppedè, da cui prende il nome.

coppede4

L’insieme dei fabbricati, l’incredibile “pastiche” di linguaggi architettonici, che immergono il visitatore nella atmosfera sfarzosa, e anche un poco fittizia, degli inizi ‘900 si articola intorno a piazza Mincio, dove lo spazio centrale è occupato dalla Fontana delle Rane: un’imponente fontana popolata appunto da 12 rane,  anche nota per il bagno che i Beatles vi fecero vestiti dopo un loro concerto tenuto nella vicina discoteca Piper.

fontanadellerane

La piazza è circondata da fabbricati differenti per forma e dimensione; i due edifici più rilevanti, decorati in modo sovrabbondante e fantastico sono: la Palazzina del Ragno di ispirazione assiro-babilonese che si contraddistingue per un grande ragno sulla facciata  e il Villino delle Fate caratterizzato da una totale asimmetria, con archi e fregi medievali realizzato con la fusione di diversi materiali, come il marmo, il laterizio, il travertino, la terracotta, il vetro.

coppede5

La dimensione quasi fantastica di questo luogo suggestivo di Roma ha ispirato più di una pellicola: il quartiere Coppedè ha decisamente ammaliato il regista horror Dario Argento che lo ha utilizzato come location di due tra i suoi più famosi lungometraggi: “Inferno” e “L’uccello dalle piume di cristallo”, ma anche scene di altri film sono state girate qui come “Il profumo della signora in nero” di Francesco Barilli, “Ultimo tango a Zagarolo”di Nando Cicero e “Audace colpo dei soliti ignoti” di Nanni Loy con Vittorio Gassman.

(scheda ripresa dal portale Turismo Roma)