Archivi categoria: Francigena

Tappe toscane crescono… #BagsFree #WalkingOnFrancigena

Tappe toscane crescono… #BagsFree #WalkingOnFrancigena

Pochi lo sanno ancora, ma da qualche settimana, in via sperimentale, abbiamo iniziato ad effettuare il nostro servizio di trasporto bagagli per i pellegrini ed i camminatori, più o meno sportivi, anche al di sopra di Lucca, nel primo tratto toscano della Via Francigena.

Il cammino entra in Toscana attraverso il Passo della Cisa, poi traversa, tra l’altro, Pontremoli, Aulla, Sarzana, Massa, Camaiore, per arrivare per l’appunto a Lucca. La Lunigiana e le Alpi Apuane insomma.

Non è al momento tra i tratti più frequentati del Cammino (poche strutture di accoglienza, molti tratti di asfalto, paesaggi meno accattivanti della Val d’Orcia o similari) e le richieste al momento non sono moltissime. Ma la Francigena comunque cresce e noi vogliamo crescere assieme a lei.

Tappe toscane crescono... #BagsFree #WalkingOnFrancigena

Tappe toscane crescono… #BagsFree #WalkingOnFrancigena

Le tappe che al momento abbiamo iniziato a servire, facendo riferimento alla guida ufficiale del Cammino, sono:

Tappa 24, da Aulla a Sarzana (16,2 km – potrete chiedervi: chi era Castruccio Castracani?)
Tappa 25, da Sarzana a Massa (29,6 km – visitate l’Antica Luni! Se vi sembra troppo lunga potete fermarvi ad Avenza)
Tappa 26, da Massa a Camaiore (26 km – tappa divisibile anche questa, fermandosi a Pietrasanta; il Corpus Domini di Camaiore è indimenticabile per colori e profumi)
Tappa 27, da Camaiore a Lucca (23,8 km – la tappa del “tiro alla forma” e delle “Croci della Lucchesia”)

Tappe toscane crescono... #BagsFree #WalkingOnFrancigena

Tappe toscane crescono… #BagsFree #WalkingOnFrancigena

Per maggiori informazioni: francigena@bags-free.com

E’ quasi primavera… Respira con Bags Free!

E’ quasi primavera… Respira con Bags Free!

E' quasi primavera... Respira con Bags Free! - foto di Luca Zacchi

E’ quasi primavera… Respira con Bags Free! – foto di Luca Zacchi

E' quasi primavera... Respira con Bags Free! - foto di Luca Zacchi

E’ quasi primavera… Respira con Bags Free! – foto di Luca Zacchi

In città, A Roma, o Barcellona, lungo la Via Francigena…
Goditi il tuo cammino, ai tuoi pesi (ovvero ai tuoi bagagli!), ci pensiamo noi!

Bags Free tra i relatori dei “Seminari Francigeni” a Caprarola

Bags Free tra i relatori dei “Seminari Francigeni” a Caprarola

CAPRAROLA, AL VIA I “SEMINARI FRANCIGENI” PER GIOVANI E OPERATORI

Un ciclo di incontri gratuiti per la valorizzazione della Variante Cimina della Via Francigena

Al via a Caprarola i “Seminari Francigeni”. Venerdì 16 febbraio 2018 alle ore 16, presso le Scuderie di Palazzo Farnese, si terrà il primo incontro del corso gratuito per la valorizzazione della Variante Cimina della Via Francigena.

Il ciclo di seminari dedicati a giovani e agli operatori dell’accoglienza è promosso dai Comuni di Caprarola, Carbognano e Ronciglione con il supporto e coordinamento dell’associazione Variante Cimina della via Francigena per promuovere l’affluenza turistica locale e sviluppare nuove forme imprenditoriali legate al turismo lento e dei cammini. Gli incontri illustreranno come si può investire sul territorio in maniera vincente, puntando sulla qualità, sulla differenziazione dell’offerta e sull’originalità. Creando un marchio collettivo e favorendo una collaborazione comune, si diventa “azionisti” del proprio territorio e si rafforza il senso di comunità.

In questo primo appuntamento, l’esperto Maurizio Forte dell’associazione Amici del Cammino di San Benedetto affronterà la tematica dell’ospitalità coadiuvato, nello spazio dedicato alla small talk, dal camminatore nepesino Romano Cialimbruschi, il quale illustrerà le proprie esperienze di pellegrino sui cammini nel mondo. Il primo seminario è comune sia ai giovani sia agli operatori già presenti sul territorio, mentre i seminari successivi seguiranno il seguente programma:

23 febbraio 2018 – ore 16.30-19.00 – Investire
Docente: Michele D’Apolito
Small Talk: Alessandro Greco (Bags Free)
(Giovani)

27 febbraio 2018 – ore 16.30-19.00 – Operatori
Docente: Maria Francesca Guida
Small Talk: Il Borgo albergo Acquapendente
(Operatori)

6 marzo 2018 – ore 16.30-19.00 – Comunicare
Docente: Vania Ribeca – Chiara Faggiolani
Small Talk: travel blogger
(Operatori)

9 marzo 2018 – ore 16.30-19.00 – Comunicare
Docente: Andrea Bonalumi
Small Talk: Carlo Zucchetti, enogastronomo, influencer
(Giovani)

18 marzo 2018
Passeggiata formativa di un giorno da Viterbo a Montefiascone con esperienza di accoglienza presso l’ostello Domus Peregrini.
(Operatori + Giovani)

21 marzo 2018
Laboratorio conclusivo e cerimonia di consegna attestati di partecipazione

Chi non ha avuto modo di iscriversi in occasione dei due Info Day svoltisi nelle scorse settimane, potrà farlo via email all’indirizzoinfo@varianteciminadellafrancigena.it entro le ore 13.00 del 15 febbraio 2018.

UFFICIO STAMPA
COMUNE DI CAPRAROLA

Bags Free tra i relatori dei "Seminari Francigeni" a Caprarola

Bags Free tra i relatori dei “Seminari Francigeni” a Caprarola

Walking On Francigena – Pilgrim’s Road

L’annunciata guida per i camminatori della Via Francigena, realizzata dal Bags Free Team, è divenuta realtà, con la consegna della prima edizione stampata ad inizio del mese di agosto.

Da subito abbiamo iniziato a proporla ed a diffonderla lungo il cammino servito dai nostri operatori, da Lucca a Roma, ottenendo da subito grandi soddisfazioni. Soddisfazioni che, tradotte in numeri, significano già oltre 600 copie diffuse in Lucchesia, Val d’Orcia, nel Senese, e per tutto il tratto laziale della Via Cassia.

Approfittiamo di questo post per ricordare a tutti che la Guida è in vendita lungo la Via Francigena al prezzo simbolico di 1 euro; che contiene, tappa per tappa, una serie di indirizzi utili con bar, luoghi di accoglienza grandi e piccoli, negozi di alimentari e di souvenir, sportelli Bancomat…

Per le numerose strutture che ce lo hanno richiesto, ricordiamo che l’inserimento nella guida è a titolo gratuito. Per figurarvi basta inviare una email di richiesta all’indirizzo francigena@bags-free.com precisando la tipologia della propria struttura, indirizzo, telefono ed altre informazioni come email, pagina Facebook o sito Internet che gli operatori del Team di Bags Free che si occupano del servizio lungo l’antica via utilizzeranno nella pagina Web di Walking On Francigena, ovviamente sempre dopo averlo concordato.

Walking On Francigena - Pilgrim's Road

Walking On Francigena – Pilgrim’s Road

Walking On Francigena - Pilgrim's Road

Walking On Francigena – Pilgrim’s Road

Il Palio della Madonna di Provenzano! Per la Francigena!

Da quest’anno come sapete Bags Free ha ampliato l’area di copertura del servizio lungo la Via Francigena. Oltre al Lazio sono servite tutte le tappe toscane, tra le quali quelle che passano a ridosso di Siena e del suo territorio. Aggiungete che da un po’ di tempo lavora assieme a noi un senese, che è come dire un contradaiolo.  Il che significa che è da un po’ che tra noi si parla del Palio! E ci si appassiona pure (questo post ne è testimonianza).

Palio_di_Siena_-_Assunta_2011_-_Piazza_del_Campo

 

Perchè il palio per i senesi è molto di più di una banale corsa di cavalli. Pensate che è dal 1200 che si ha notizie di corse di questo tipo a Siena, prima riservate ai nobili, poi una vera e propria gara tra le tante Contrade, ognuna rappresentante uno spicchio di città.

Le Contrade sono variate nella storia di numero, di nome, di dimensioni. Ora sono ridotte a 17, con dei confini stabiliti nel 1729 dal Bando di Violante di Baviera, all’epoca Governatrice della Città.

Il Palio come lo conosciamo oggi si fa partire dal 1644. Non è stato disputato solo nel periodo delle due guerre mondiali.

sbandieratori

Ogni Contrada è come un piccolo stato, retto da un Seggio con a capo il Priore e guidato nella “giostra” da un Capitano, coadiuvato da due o tre contradaioli detti “mangini”.

Possiede, entro il suo territorio, una Chiesa con annessa la sede ove viene custodito tutto il suo patrimonio: cimeli, drappelloni delle vittorie, costumi della Comparsa – quelli in uso e molti di antica data – bandiere, archivio e tutto quanto altro concerne la vita della Contrada stessa.

La vita “paliesca” moderna si concentra ormai su luoghi precisi, come l’oratorio, ossia il luogo più antico della Contrada, che funge da cappella per le cerimonie religiose sia della Contrada, sia dei suoi singoli membri, e la “Società di Contrada”, un circolo aperto quotidianamente e gestito dal volontariato contradaiolo.

Per la città sono disseminate le fontanine che portano segni araldici delle Contrade, e che vengono usate per il “battesimo contradaiolo”.

Ogni Contrada dispone inoltre di una sede storico-museale. Alla Contrada si appartiene tradizionalmente in diverse maniere. La più antica è lo ius soli, ossia la nascita entro i confini della Contrada. Si appartiene anche per ius sanguinis, per discendenza diretta da membri di una Contrada. Quando i genitori sono di due Contrade diverse, l’appartenenza contradaiola dei figli è attentamente negoziata, tenendo conto delle ascendenze e delle parentele da entrambe le parti e della rilevanza della Contrada nella vita di ognuno dei genitori. Un terzo criterio si basa su quale Contrada si sceglie di frequentare, dove si hanno i rapporti sociali più stretti e importanti, anche per chi viene da fuori città o fuori nazione.

1420538360

 

Non tutte e 17 le contrade corrono ad ogni Palio. Ad ogni Palio partecipano 10 contrade scelte a sorte e secondo un particolare regolamento che consente la costante rotazione delle partecipanti. Corrono di diritto le 7 contrade che non hanno corso il Palio corrispondente dell’anno precedente, e un mese prima del Palio (l’ultima domenica di maggio per quello di luglio, e la prima domenica dopo il Palio di luglio per quello di agosto) vengono estratte a sorte le 3 contrade mancanti. Vengono inoltre estratte le altre 7 contrade rimanenti, per stabilire l’ordine di sfilata nel corteo storico; esse parteciperanno di diritto al corrispondente Palio dell’anno successivo. In caso di Palio straordinario (previsto per eventi eccezionali, tipo l’Unità d’Italia o altro), avviene un sorteggio tra tutte le contrade per determinare le dieci partecipanti.

1420538204

Siamo ora nel tempo immediatamente precedente al primo dei due Palii delle contrade che si corrono a Siena nel corso dell’estate. Il primo è quello del 2 luglio (Palio della Madonna di Provenzano), il secondo si corre il 15 agosto (Palio della Madonna Assunta).

Il tempo di festa vero e proprio parte, per il primo palio, dal 29 di giugno, per il secondo dal 13 di agosto. Nel primo dei quattro giorni di festa (29 giugno o 13 agosto) si tiene la “tratta”, ossia l’estrazione a sorte e successivo abbinamento dei cavalli alle contrade in gara. Tale operazione avviene in Piazza del Campo, e vi partecipano il sindaco di Siena, i dieci capitani delle contrade che prendono parte alla corsa, i tre “Deputati della Festa”, oltre a un segretario e a due paggetti. Vengono predisposte due urne: nella prima vengono inserite dieci ghiandine contenenti proprio i numeri dall’1 al 10 (che corrispondono ai dieci cavalli partecipanti); nella seconda, quelle con i nomi delle dieci contrade. I due paggetti vengono incaricati di estrarre una ghiandina alla volta per ogni urna: è il sindaco a leggere ad alta voce i nomi estratti e l’abbinamento ai cavalli.

Una particolarità del Palio della Madonna di Provenzano di quest’anno, 2016, è che corrono la Contrada Nonna (ovvero quella che non vince il Palio da più tempo, la Lupa che non vince da 26 anni) e le altre tre contrade maggiormente in ritardo, ovvero, in ordine, Aquila, Nicchio e Chiocciola. Sono le uniche contrade che hanno uno “0” nella colonna “Palii vinti nel XXI secolo”.

Il contradaiolo di Bags Free fa parte del Nicchio (sesta nella classifica assoluta delle vittorie per contrada; al Nicchio sono riconosciute ufficialmente 42 vittorie dal Comune di Siena, l’ultima delle quali ottenuta il 16 agosto 1998 con il fantino Dario Colagè detto Il Bufera sul cavallo Re Artù; le vittorie che la Contrada si attribuisce sono invece 47, poiché considera valide quattro vittorie ottenute nel corso del Seicento ed una nell’Ottocento, considerate non ufficiali dal comune), perciò potete… immaginare per chi faremo il tifo!!!

hnicchio

Anche perchè c’è un legame tra il Nicchio ed il tipo di servizio che svolgiamo. Nello stendardo del Nicchio è presente infatti la conchiglia che accompagna i pellegrini lungo la più conosciuta delle antiche vie, quella che porta a Santiago de Compostela. La Francigena in questo caso serviva ai pellegrini a dirigersi verso il Nord. 

L’ipotesi storica più interessante dice che i nicchiaioli vedessero frequentemente passare i pellegrini che venivano da sud per arrivare fino al Duomo e poi proseguire il loro viaggio per la Via Francigena (che passava dal cuore della città), dirigendosi verso Santiago de Compostela. Ora, per tradizione i pellegrini di Santiago de Compostela portavano con sé le conchiglie capesante, simbolo di San Giacomo. Ad accreditare quest’ipotesi c’è il fatto che una piccola capasanta si trova scolpita sulla Cappella di San Giacomo all’interno della Chiesa di Santo Spirito, nel territorio nicchiaiolo. Nella chiesa si trova anche un affresco dedicato al santo.

L’unico fatto sicuro rimane quello che il Nicchio si sia sempre presentato alle pubbliche feste con il simbolo di una conchiglia e lo ha mantenuto fino ad oggi.

Il simbolo della conchiglia è tradizionalmente legato alla rinascita, alla spiritualità oltre che al sesso femminile, da cui nasce la vita terrena.

Il primo colore della contrada fu il rosso, poi il blu, poi i due colori assieme.

L’attuale stemma della contrada è formato da una conchiglia coronata alla granducale circondata da due rametti di corallo, uniti da un pendaglio di tre nodi di savoia intervallati da due rose: una rossa ed una argentata. Il simbolo è posto su uno sfondo blu.

Nobile_Contrada_del_Nicchio-StemmaIl Palio viene regolarmente trasmesso dalla televsione di Stato. Per chi volesse seguirlo, riportiamo un elenco, ripreso da Wikipedia, dei termini più usati prima, durante e dopo la corsa:

Alfiere: lo sbandieratore di una Contrada;
Bandierino: il punto d’arrivo della carriera;
Barbaresco: il contradaiolo addetto alla cura del cavallo;
Barbero: il cavallo da corsa, ma anche le tradizionali biglie di legno colorate con le insegne delle Contrade, caratteristico gioco senese;

Bombolone: cavallo molto forte;
Brenna: cavallo considerato scarso;
Canapi: le grosse funi che delimitano la zona della mossa, ma anche il periodo di attesa della partenza della corsa, proverbialmente piuttosto lungo e carico di tensione (stare “fra i canapi”);
Capitano: il contradaiolo che, durante il periodo del Palio, è plenipotenziario della gestione della contrada;
Cappotto: quando una contrada riesce a vincere, nello stesso anno, entrambi i Palii (l’ultimo nel 1997 da parte della Giraffa);

Carriera: la corsa;
Carroccio: il carro tirato da buoi che durante il corteo storico trasporta il palio;
Cencio: il palio (il drappo che viene assegnato al vincitore);
Comparse: i rappresentanti in costume di una Contrada che partecipano al corteo storico;
Contrade soppresse: nel XVII secolo queste andarono lentamente estinguendosi per carenze organizzative, non partecipazioni alla vita pubblica e così via. Il loro territorio fu inglobato dalle Contrade confinanti e di loro rimane traccia negli stemmi di alcune Contrade attuali. Le ultime contrade soppresse furono: Gallo, Orso, Vipera, Quercia, Leone, Spadaforte.

Cuffia: il simbolo metaforico della Contrada nonna, quella cioè che ha la sua ultima vittoria più lontana nel tempo;
Drappellone: il palio (drappo che viene assegnato al vincitore);
Duce: figura rievocata nel corteo storico, rappresenta il comandante delle compagnie militari delle antiche contrade medievali. Nel Palio moderno è solo una figura rappresentativa, senza alcun potere;
Mangino: è il nome comunemente usato a Siena per la carica di Tenente della Contrada, il braccio destro del Capitano di Contrada, che, assieme a questo organizza i partiti per la Contrada durante il Palio; ogni contrada ha due Tenenti (Mangini)
Masgalano (l’etimologia della parola proviene dallo spagnolo: “mas galante”, cioè “più elegante”): oggetto scolpito (originariamente un piatto, in tempi più recenti prende via via varie forme e dimensioni) solitamente in metallo prezioso che viene assegnato alla Contrada che abbia effettuato la migliore figura nel corteo storico. In pratica consiste in un premio ai figuranti, in special modo gli alfieri ed il tamburino, più abili;

Montura: indica gli abiti, ispirati all’epoca rinascimentale, utilizzati dalle comparse (o monturati) delle diverse Contrade durante il corteo storico che precede la corsa;
Mossa: indica l’inizio della corsa vera e propria, ma anche il punto della piazza da dove la corsa parte;
Mossiere: il personaggio designato a regolamentare la partenza (mossa) della corsa;
Nerbata: l’utilizzo del nerbo contro un fantino avversario;
Nerbo: il tendine essiccato di bue utilizzato dai fantini quale frusta;

Nonna: la Contrada che non vince il palio da più tempo;
Palio: il termine può essere utilizzato per indicare la corsa dei cavalli, ma anche il drappo assegnato al vincitore della corsa;
Partiti: gli accordi, più o meno segreti, fra le diverse Contrade per la vittoria del Palio;
Passeggiata: il corteo storico;
Priore: in quasi tutte le Contrade, con questo titolo è designato il contradaiolo eletto a capo della Contrada per tutto l’anno (periodo del Palio escluso). Nel Bruco si chiama Rettore mentre nell’Oca è detto Governatore;

Rincorsa: la posizione di partenza del decimo cavallo, situato al di fuori dello spazio delimitato dai canapi. Poiché è proprio l’entrata del decimo cavallo nei canapi a determinare la partenza della corsa, questa posizione è considerata particolarmente favorevole per favorire (o sfavorire) un’altra Contrada, piuttosto che per la vittoria. Infatti la Contrada di rincorsa parte da una posizione arretrata e deve percorrere una parte del primo giro sul lato più esterno della pista, il che la mette potenzialmente in svantaggio rispetto alle nove che partono dai canapi;

Scosso: cavallo senza fantino;
Soprallasso: il cavallo, di scarso valore, che il fantino monta durante il corteo storico;
Spennacchiera: la coccarda coi colori della Contrada di appartenenza, applicata sulla fronte del cavallo;
Steccato: le barriere di legno che delimitano internamente la pista. La posizione di partenza “allo steccato” indica le posizioni più interne, considerate comunemente fra le più favorevoli per la vittoria della corsa;
Tratta: la scelta e l’assegnazione alle Contrade (per estrazione) dei cavalli per la corsa; ha luogo il 29 giugno per il Palio di Provenzano e il 13 agosto per quello dell’Assunta;
Verrocchio: palco situato appena sopra la zona della mossa, da dove il mossiere gestisce le operazioni relative alla partenza.

 

Sulla Francigena, il doppio dell’impegno, anzi, di più! #BagsFree #LightHoliday

I più affezionati tra i nostri  clienti, oltre ovviamente ai provider ed agli operatori del settore con cui lavoriamo, già lo sanno, ma approfittiamo di questo strumento per informare tutti del rinnovato ad accresciuto impegno di Bags Free per i viaggiatori ed i pellegrini che seguono il percorso tradizionale della Via Francigena.

Nel percorso che viene dal Passo del Gran San Bernardo, alle cinque tappe inizialmente servite dal nostro servizio di trasporto bagagli, da Viterbo a Roma (111,3 km), già dallo scorso anno abbiamo aggiunto le ultime tre tappe comprese nel territorio laziale (da Acquapendente a Viterbo, altri 60 km circa).

Ora il nostro raggio di azione comprende anche tutte le tappe toscane a partire dalla Lucca-Altopascio (la numero 27 nell’itinerario ufficiale), fino alla Radicofani-Acquapendente (la numero 36), permettendoci di coprire complessivamente con il nostro servizio la bellezza di 415,5 km di percorso e 18 tappe (10 in Toscana ed 8 nel Lazio).

Senza dimenticare la tappe da Rieti a Roma della cosiddetta Via di Francesco, assistite anche esse dai nostri operatori.

Veduta della Val d'Orcia

Veduta della Val d’Orcia

Siamo cresciuti, con voi ed al vostro servizio. Abbiamo due nuovi operatori che servono esclusivamente la Via Francigena e stiamo rinnovando, dopo i nostri locali, anche il parco mezzi circolanti con il nostro marchio.

San Miniato

San Miniato

Vi ringraziamo e vi aspettiamo ad Altopascio, a San Miniato, a San Gimignano, a Siena, in Val d’Orcia. Luoghi meravigliosi sul cammino del nostro servizio, che è un piacere scoprire ancora meglio assieme a voi!

San Gimignano

San Gimignano

Grazie da Bags Free, Light Holiday, felici di servirvi!