Archivi categoria: Informazioni

Viaggi e cammini… d’autunno! #BagsFree #WalkingOnFrancigena

E’ in edicola il numero autunnale di una nuova rivista (il primo è uscito questa estate con un ricco reportage sulla Via Francigena), “Viaggi e Cammini“. Ci sentiamo di consigliarne l’acquisto ai clienti ed agli amici, che, come noi, sono appassionati frequentatori di cammini e vie di pellegrinaggio.

Luca, che scrive questo post, ha vista la sua attenzione presa da un articolo che non ha il richiamo in copertina, intitolato: “Camminare in autunno. I consigli pratici per poter affrontare un viaggio in una stagione mutevole“.

Eh già, perchè ci crediate o no, ci sono camminatori anche in autunno ed inverno. In questi giorni stiamo assistendo il cammino di un gruppetto di quattro persone sulla Via di Francesco.

Perchè viaggiare, camminare in autunno, ha i suoi disagi, legati solitamente al meteo non sempre amichevole, specie sul tratto appenninico, che ti costringe ad avere dell’equipaggiamento supplementare, ma ha anche i suoi indubbi pregi.

Sentieri meno affollati, colori più vividi e vari, paesaggi mutevoli ed affascinanti…

Da vecchio scout, ricordo che ripetevo spesso ai ragazzi una massima che recitava che “non esiste bello o cattivo tempo, ma solo un buono o un cattivo equipaggiamento“.

Ed è vero. Camminare in autunno richiede alcune accortezze, riportate tutte correttamente nell’articolo, dal vestirsi a strati (“a cipolla“), all’avere con sè una giacca a vento, possibilmente in goretex, ricordarsi del copri zaino (non tutti i modelli in vendita, specie quelli economici, sono impermiabili) o avere almeno un poncho largo, che copra sia il camminatore, sia lo zaino.

Poi sono senz’altro molto utili una lampada frontale (fa buio prima in autunno, e se oltretutto piove o c’è nebbia o foschia; e ricordatevi le pile di riserva…) e un bel fischietto per richiamare l’attenzione (io me lo porto anche d’estate in verità, non si sa mai…).

La rivista aggiunge all’elenco che avrei fatto io anche i ramponcini da trekking. Attenti però sia a sceglierli bene (non sono, ripeto, non sono uguali a quelli per alpinismo in alta montagna e sui ghiacciai!) sia ad usarli in modo appropriato (ovvero su pendenze non troppo ripide ed in luoghi non molto esposti).

Visto che il terreno in autunno è sicuramente più scivoloso, oltre ad avere calzature con suole scolpite, che facciano presa, consiglierei anche un paio di bastoncini da trekking. Ma, come scrive l’articolista, attenti soprattutto alle scarpe, che siano magari anche impermiabili e le più adatte alla stagione (peggio di finire con i piedi e i calzettoni bagnati in questa stagione penso ci sia davvero poco per un escursionista…).

Un ultimo consiglio, che non c’è nell’articolo, ma mi permetto sempre di dare a tutti è quello di interpellare una guida del posto, CAI o AIGAE che sia. Vi saprà senz’altro meglio consigliare, conoscendo la zona ed il terreno su cui vi avventurate meglio di chiunque altro, su cosa, in più o in meno, sia opportuno avere con voi.

Buon cammino! D’autunno come d’estate!

Luca del team di Walking On Francigena

Domani festa dei Walkers! Dei camminatori

Domani festa dei Walkers! Dei camminatori

Perchè? Che giorno è domani?

Secondo il calendario liturgico dei cristiani di confessione cattolica, domani, 25 luglio, si festeggia Giacomo il Maggiore. Il famoso Santiago cui è dedicata la chiesa di Compostela, nel luogo dove la tradizione lo vuole sepolto, oltre che il più famoso dei cammini.

San Giacomo dipinto da Guido Reni

San Giacomo dipinto da Guido Reni

Chi era San Giacomo?

E’ detto “Maggiore” per distinguerlo dall’apostolo omonimo, Giacomo di Alfeo. Lui e suo fratello Giovanni sono figli di Zebedeo, pescatore in Betsaida, sul lago di Tiberiade. Chiamati da Gesù (che ha già con sé i fratelli Simone e Andrea) anch’essi lo seguono (Matteo cap. 4). Nasce poi il collegio apostolico: “(Gesù) ne costituì Dodici che stessero con lui: (…) Simone, al quale impose il nome di Pietro, poi Giacomo di Zebedeo e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanerghes, cioè figli del tuono” (Marco cap. 3). Con Pietro saranno testimoni della Trasfigurazione, della risurrezione della figlia di Giairo e della notte al Getsemani. Conosciamo anche la loro madre Salome, tra le cui virtù non sovrabbonda il tatto. Chiede infatti a Gesù posti speciali nel suo regno per i figli, che si dicono pronti a bere il calice che egli berrà. Così, ecco l’incidente: “Gli altri dieci, udito questo, si sdegnarono”. E Gesù spiega che il Figlio dell’uomo “è venuto non per essere servito, ma per servire e dare la sua vita in riscatto per molti” (Matteo cap. 20).
E Giacomo berrà quel calice: è il primo apostolo martire, nella primavera dell’anno 42. “Il re Erode cominciò a perseguitare alcuni membri della Chiesa e fece uccidere di spada Giacomo, fratello di Giovanni” (Atti cap. 12). Questo Erode è Agrippa I, a cui suo nonno Erode il Grande ha fatto uccidere il padre (e anche la nonna). A Roma è poi compagno di baldorie del giovane Caligola, che nel 37 sale al trono e lo manda in Palestina come re. Un re detestato, perché straniero e corrotto, che cerca popolarità colpendo i cristiani. L’ultima notizia del Nuovo Testamento su Giacomo il Maggiore è appunto questa: il suo martirio.
Secoli dopo, nascono su di lui tradizioni e leggende. Si dice che avrebbe predicato il Vangelo in Spagna. Quando poi quel Paese cade in mano araba (sec. IX), si afferma che il corpo di san Giacomo (Santiago, in spagnolo) è stato prodigiosamente portato nel nord-ovest spagnolo e seppellito nel luogo poi notissimo come Santiago de Compostela. Nell’angoscia dell’occupazione, gli si tributa un culto fiducioso e appassionato, facendo di lui il sostegno degli oppressi e addirittura un combattente invincibile, ben lontano dal Giacomo evangelico (a volte lo si mescola all’altro apostolo, Giacomo di Alfeo). La fede nella sua protezione è uno stimolo enorme in quelle prove durissime. E tutto questo ha un riverbero sull’Europa cristiana, che già nel X secolo inizia i pellegrinaggi a Compostela. Ciò che attrae non sono le antiche, incontrollabili tradizioni sul santo in Spagna, ma l’appassionata realtà di quella fede, di quella speranza tra il pianto, di cui il luogo resta da allora affascinante simbolo. Nel 1989 hanno fatto il “Cammino di Compostela” san Giovanni Paolo II e migliaia di giovani da tutto il mondo. 

(fonte: Sito Santi e Beati)

Perchè è la festa dei camminatori?

Perchè tre sono i più famosi cammini di pellegrinaggio: verso Gerusalemme, dove è il sepolcro (vuoto!) del Signore Risorto, verso Roma (dove la tradizione posiziona le tombe degli Apostoli Pietro e Paolo) e verso Santiago (verso la tradizionale tomba di Giacomo Maggiore). Tutti e tre sono percorsi da un tempo infinito, ma se dici “Cammino”, o “Camino”, chi ti ascolta pensa a Compostela ed a Giacomo, a Santiago.

E visto che Bags Free ha una infinità di clienti ed amici che i Cammini li vivono, li percorrono, vi respirano un’aria nuova, non possiamo fare a meno di unirci al ricordo ed alla festa.

Alla festa, sì, perchè anche se tendiamo a darlo per scontato, poter fare anche solo un passo in più è una benedizione ed una festa. Conoscere gente nuova è una opportunità ed è bello. Avere chi ti aiuta, ti sostiene, e, quando serve, porta il tuo peso, ancora di più!

E allora: Ultreia e Suseia!!!

Cattedrale di Santiago

Cattedrale di Santiago

Formula E hits the streets of Rome! Next Saturday in Rome!

The inaugural ABB FIA Formula E CBMM Niobium Rome E-Prix presented by Mercedes EQ hits the streets on the 14th April 2018, bringing fully-electric international single-seater street racing to the capital for the first time.

At 1.7 miles, the track is one of the longest in the Season 4 calendar, meaning more wheel to wheel action for everyone to enjoy.

Official Site: http://www.fiaformulae.com/en

For Info & Book Online our service luggage storage and transport

2017/2018 FIA Formula E Championship.
Street Demonstration – Rome, Italy.
Lucas Di Grassi (BRA), Audi Sport ABT Schaeffler, Sebastien Buemi (SUI), Renault e.Dams, Nelson Piquet Jr. (BRA), Panasonic Jaguar Racing and Luca Filippi (ITA), NIO Formula E Team.
Thursday 19 October 2017.
Photo: Malcom Griffiths/LAT/Formula E
ref: Digital Image IMG_8950

 

Attenzione, l’ora legale 2018 è alle porte…

Attenzione, l’ora legale 2018 è alle porte…

Scatterà nella notte tra sabato 24 e domenica 25 marzo, ultima domenica del mese. Quindi alle due di notte di domenica 25, le lancette andranno spostate un’ora avanti.

Se utilizzate orologi o sveglie meccaniche dovrete ovviamente spostare manualmente le lancette. Potete invece dimenticarvi completamente del cambio, per smartphone, pc e tablet. Tutto sarà automatico: basterà essere connessi a internet.

Se avete prenotazioni con noi di Bags Free o dovete viaggiare… occhio!

Attenzione, l'ora legale 2018 è alle porte...

Attenzione, l’ora legale 2018 è alle porte…

Bags Free tra i relatori dei “Seminari Francigeni” a Caprarola

Bags Free tra i relatori dei “Seminari Francigeni” a Caprarola

CAPRAROLA, AL VIA I “SEMINARI FRANCIGENI” PER GIOVANI E OPERATORI

Un ciclo di incontri gratuiti per la valorizzazione della Variante Cimina della Via Francigena

Al via a Caprarola i “Seminari Francigeni”. Venerdì 16 febbraio 2018 alle ore 16, presso le Scuderie di Palazzo Farnese, si terrà il primo incontro del corso gratuito per la valorizzazione della Variante Cimina della Via Francigena.

Il ciclo di seminari dedicati a giovani e agli operatori dell’accoglienza è promosso dai Comuni di Caprarola, Carbognano e Ronciglione con il supporto e coordinamento dell’associazione Variante Cimina della via Francigena per promuovere l’affluenza turistica locale e sviluppare nuove forme imprenditoriali legate al turismo lento e dei cammini. Gli incontri illustreranno come si può investire sul territorio in maniera vincente, puntando sulla qualità, sulla differenziazione dell’offerta e sull’originalità. Creando un marchio collettivo e favorendo una collaborazione comune, si diventa “azionisti” del proprio territorio e si rafforza il senso di comunità.

In questo primo appuntamento, l’esperto Maurizio Forte dell’associazione Amici del Cammino di San Benedetto affronterà la tematica dell’ospitalità coadiuvato, nello spazio dedicato alla small talk, dal camminatore nepesino Romano Cialimbruschi, il quale illustrerà le proprie esperienze di pellegrino sui cammini nel mondo. Il primo seminario è comune sia ai giovani sia agli operatori già presenti sul territorio, mentre i seminari successivi seguiranno il seguente programma:

23 febbraio 2018 – ore 16.30-19.00 – Investire
Docente: Michele D’Apolito
Small Talk: Alessandro Greco (Bags Free)
(Giovani)

27 febbraio 2018 – ore 16.30-19.00 – Operatori
Docente: Maria Francesca Guida
Small Talk: Il Borgo albergo Acquapendente
(Operatori)

6 marzo 2018 – ore 16.30-19.00 – Comunicare
Docente: Vania Ribeca – Chiara Faggiolani
Small Talk: travel blogger
(Operatori)

9 marzo 2018 – ore 16.30-19.00 – Comunicare
Docente: Andrea Bonalumi
Small Talk: Carlo Zucchetti, enogastronomo, influencer
(Giovani)

18 marzo 2018
Passeggiata formativa di un giorno da Viterbo a Montefiascone con esperienza di accoglienza presso l’ostello Domus Peregrini.
(Operatori + Giovani)

21 marzo 2018
Laboratorio conclusivo e cerimonia di consegna attestati di partecipazione

Chi non ha avuto modo di iscriversi in occasione dei due Info Day svoltisi nelle scorse settimane, potrà farlo via email all’indirizzoinfo@varianteciminadellafrancigena.it entro le ore 13.00 del 15 febbraio 2018.

UFFICIO STAMPA
COMUNE DI CAPRAROLA

Bags Free tra i relatori dei "Seminari Francigeni" a Caprarola

Bags Free tra i relatori dei “Seminari Francigeni” a Caprarola

The Advent symbols: the Calendar and the Crown, according to tradition, explained by Bags Free

The Advent symbols: the Calendar and the Crown, according to tradition, explained by Bags Free

Advent is the period of four Sundays and the weeks before Christmas.
Advent means ‘come’ in Latin. This is the coming of Jesus in the world.
Christians use the four Sundays of Advent and weeks to prepare and remember the true meaning of Christmas.

There are three meanings of ‘coming’ for Christians to describe in Advent. The first, and most thought, which occurred about 2000 years ago when Jesus came into the world as a child to live as a man and die for us. The second can happen now as Jesus wants to come into our lives now. And the third will happen in the future when Jesus comes back to the world as King and Judge, not a child.

There are several ways that Advent is remembered, but the most common is with a calendar or the crown of candles.

The Advent Calendar

There are many types of calendars used in different countries. The most common are made of paper or paper with 25 small windows. A window is open every day in December and a Christmas photo, scenes of the Christmas story and other Christmas images appears below.

The Advent symbols: the Calendar and the Crown, according to tradition, explained by Bags Free

The Advent symbols: the Calendar and the Crown, according to tradition, explained by Bags Free

The Advent Crowns

The Advent Crowns are used in Churches and in people’s homes. The crown is often made up of a wreath of greenery and has four candles round the outside and one in the middle or in a separate place.

The Advent Candles

One candle is lit on the first Sunday of Advent, two are lit on the second Sunday and so on. Each candle has a different meaning in Christianity. Different churches have given them different meanings, but the most diffuse is the following:

The first represents Isaiah and other prophets in the Bible that predicted the coming of Jesus.
The second represents the Bible.
The third represents Mary, the mother of Jesus.
The fourth represents John the Baptist, Jesus’ cousin, who told the people in Israel to get ready for Jesus’ teaching.
The middle or separate candle is lit on Christmas Day and represents Jesus, the light of the world. In Germany this fifth candle (white) is known as the ‘Heiligabend’ and is lit on Christmas Eve.

1avventoThe Advent symbols: the Calendar and the Crown, according to tradition, explained by Bags Free

The Advent symbols: the Calendar and the Crown, according to tradition, explained by Bags Free

In many churches, the colour purple is used to signify the season of Advent. On the third Sunday, representing Mary, the colour is sometimes changes to pink or rose.

 

Festa di Padre Pio 2017

Festa di Padre Pio 2017

La festa di Padre Pio, edizione 2017, si tiene come ogni anno a Roma, nella chiesa di San Salvatore in Lauro (tra Piazza Navona e Castel Sant’Angelo, nei pressi di Via dei Coronari) con molte iniziative distribuite nei giorni che vanno dal 13 al 23 settembre (memoria liturgica del Santo) e la Domenica 24 settembre (Messa festiva di Ringraziamento presieduta dal nuovo Vicario del Papa per la città di Roma, Mons. Angelo De Donatis).

Sconto del 10% sui nostri servizi a chi prenoterà o si presenterà al deposito mostrandoci di essere venuto per questa occasione.

Festa di Padre Pio 2017

Festa di Padre Pio 2017

Bags Free love Bags: Caretta Caretta!

Caretta Caretta è il nome latino di una bellissima tartaruga. Caratteristico delle tartarughe è il loro resistentissimo carapace, che le protegge dai predatori e dagli urti.

Caretta Caretta

Caretta Caretta

Caretta è però anche il nome di una valigia che va per la maggiore di questi tempi. Di recente al deposito bagagli di Roma abbiamo ospitato una intera famiglia di tartarughe…. pardon, di persone, ciascuna dotata del suo scudo personale, una valigia Caretta, marchio Suit Suit.

Una valigia dai colori vivaci ma non troppo, resistente e leggera. Non ci stupiamo che tanti nostri clienti la prediligano!

Alla prossima Bag-Recensione!!!